STAGIONE 2019/2020 – 1/5 di secolo

31/10/2019
“Concerto Mick Harvey e J.P. Shilo” (fuori abbonamento)

La rassegna Astoria Live, dopo il grande successo del concerto di giugno dei Dream Syndicate non si ferma e propone per l’autunno un nuovo intrigante live ancora una volta insieme ai protagonisti della scena underground internazionale. I nomi non vi saranno nuovi, stiamo infatti parlando di Mick Harvey (già Bad Seeds, Birthday Party e Crime and the City Solution con all’attivo numerosi album da solista) insieme a JP Shilo poliedrico musicista e compositore (Hungry Ghosts / Rowland S. Howard / The Blackeyed Susans) accompagnati da Steve Shelley alla batteria (sì avete capito bene è proprio quello dei Sonic Youth) e Gleen Lewis al basso (Cambodian Space Project).


22/11/2019
“IO”

di Flavia Mastrella e Antonio Rezza
con Antonio Rezza
quadri di scena Flavia Mastrella
(mai) scritto da Antonio Rezza
assistente alla creazione Massimo Camilli
disegno luci Daria Grispino
organizzazione generale Stefania Saltarelli
macchinista Andrea Zanarini
prodotto da RezzaMastrella e La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello

La performance non si ispira ad un testo d’autore, ma come recita la locandina, a “un testo mai scritto” di Antonio Rezza.
Lo spettacolo conduce lo spettatore attraverso un’esperienza dirompente, composta chimicamente dalla fisicità di un performer eccezionale e da quella sua scorrettezza che si materializza in quell’IO del titolo che sbuca improvvisamente dai teli magici della scenografia e che segna gradualmente, nel correre della performance, la sorprendente affermazione di un essere pensante.


19/12/2019
“Un Borghese Piccolo Piccolo”

Tratto dall’omonimo romanzo di Vincenzo Cerami
Adattamento e Regia Fabrizio Coniglio
Musiche originali di Nicola Piovani
Con Massimo Dapporto
Produzione Pietro Mezzasoma

“Un borghese piccolo piccolo” è un romanzo straordinario di Vincenzo Cerami da cui è stato tratto, in un secondo tempo, il capolavoro cinematografico di Monicelli. Il romanzo, che diverge dal film in alcuni nodi narrativi essenziali, è un ritratto di agghiacciante attualità. La peculiarità del romanzo è la tinta grottesca con cui Cerami descrive le umili aspirazioni del protagonista Giovanni, il borghese piccolo piccolo. Quella che metteremo in scena sarà infatti una tragicommedia che nella prima parte regalerà momenti di comicità a tratti esilarante. Il Borghese piccolo piccolo è Giovanni Vivaldi, un uomo di provincia che lavora al ministero, il cui più grande desiderio è quello di “sistemare” suo figlio Mario, proprio in quel ministero in cui Giovanni lavora da oltre trent’anni. Ma come ottenere una raccomandazione per il figlio? Ecco l’inizio della sua ricerca disperata di una “scorciatoia”, in questo caso rappresentata dalla Massoneria, per garantire un futuro al figlio. Le aspirazioni, il desiderio di raggirare le regole che una società democratica e civile impone, sembrano quasi connaturate nell’animo di ogni cittadino italiano.
La Scorciatoia o la raccomandazione è avvertita dalla nostra società come qualcosa di necessario per sopravvivere: forse, in fondo, non crediamo più nella possibilità di essere tutti uguali di fronte alla legge e nelle pari opportunità di emancipazione sociale ed economica. Questo è lo snodo più fortemente attuale della storia che metteremo in scena. Racconteremo questo grande romanzo classico con il sorriso, che solo i grandi autori come Vincenzo Cerami hanno saputo e sanno ancora regalarci. Per questo motivo ci affidiamo all’arte di un grande interprete del nostro Teatro: Massimo Dapporto, capace di rendere il ridicolo e il tragico nello stesso tempo, regalando grande umanità e semplicità alla famiglia Vivaldi.


29/01/2020
“Il Misantropo”

di Molière
traduzione e adattamento di Francesco Niccolini – Factory
Regia di Tonio De Nitto

Con
Ippolito Chiarello | Alceste, amante di Célimène
Angela De Gaetano | Célimène, amante di Alceste
Franco Ferrante | Oronte, amante di Célimène
Sara Bevilacqua | Arsinoè, amica di Célimène
Luca Pastore | Filinto, amico di Alceste
Dario Cadei | Clitrandro, il marchese
Fabio Tinella | Acaste, il marchese
Ilaria Carlucci | Eliante, cugina di Célimène

ASSISTENTE ALLA REGIA Daniele Guarini
SCENE Porziana Catalano E Iole Cilento
COSTRUZIONI Damiano Pastoressa
UN RINGRAZIAMENTO SPECIALE A Angelo Linzalata
COSTUMI Lapi Lou
LUCI Davide Arsenio
MUSICHE ORIGINALI Paolo Coletta
TECNICI DI COMPAGNIA Davide Arsenio, Marco Oliani
SARTE Maria Rosaria Rapanà, Ornella Cassinari
PARRUCCHE Elettra Ghioni E Lapi Lou
PRODUZIONE Factory compagnia transadriatica Accademia perduta/Romagna teatri
SI RINGRAZIANO Comune di Lecce, Comune di Mesagne, Comune di Novoli

La compagnia formata da un folto gruppo, scelto tra i migliori rappresentanti della scena pugliese e capitanati da Tonio De Nitto, è riuscita a farsi notare a livello nazionale per la qualità degli spettacoli
De Nitto viene aiutato in quest’impresa in modo determinante dalla traduzione e dall’adattamento di Francesco Niccolini, che imbeve di umori attuali le parole del drammaturgo francese, e che non a caso ha scelto per questa sua nuova fatica “Il Misantropo”: il testo gli permette infatti di avventurarsi in terreni favorevoli per poter approfondire e stigmatizzare, in modo agevole e per nulla metaforico, i tempi contraddittori dell’oggi.


18/02/2020
“Tango Fatal”

ballerini

Guillermo Berzins & Marijana Tanasković, Martin Acosta Sponda & Chiara Greco, Saša Živković & Diletta Milocco, Costanza Gruber & Simone Pradissitto

Orchestra ‘Corazon de Tango’

Violino – Oksana Peceny Dolenc, Pianoforte – Jan Sever, Bandoneon – Andraz Frece, Chitarra – Matic Dolenc, Contrabasso – Ziga Trilar

Da un’idea artistica di Guillermo Berzins, ballerino e coreografo argentino di fama internazionale, Tango Fatal fa rinascere sul palcoscenico le sensuali e misteriose atmosfere porteñe in un’ambientazione astratta e sospesa nel tempo. Le romantiche e struggenti note dei più celebri tanghi si alterneranno a spettacolari coreografie contemporanee e all’energia contagiosa del folklore argentino.


28/02/2020
“La Buona Educazione”

con Serena Balivo
ideazione, drammaturgia e regia
Mariano Dammacco
spazio scenico Mariano Dammacco e Stella Monesi
foto di scena Luca Del Pia
produzione Piccola Compagnia Dammacco / Teatro di Dioniso
in collaborazione con L’arboreto Teatro Dimora, Teatro Franco Parenti, Primavera dei Teatri, Asti Teatro 40

Una donna deve prendersi cura di un giovane essere umano, ultimo erede della sua stirpe. Deve ospitarlo nella sua vita, nella sua casa, nella sua mente, deve educarlo, progettare il suo futuro, deve contribuire all’edificazione di un giovane Uomo. Serena Balivo, Premio Ubu 2017 nella categoria nuova attrice o performer, dà vita sulla scena a questa donna, accoglie gli spettatori nel teatro della sua mente e condivide con loro la strada che percorre per cercare di assolvere al suo compito. Sarà all’altezza del compito? La buona educazione, con la drammaturgia e la regia di Mariano Dammacco, e lo spazio scenico ideato dallo stesso regista insieme alla scenografa Stella Monesi, muove i suoi passi da alcune domande: quali sono i valori, i contenuti, le idee che oggi vengono trasmesse da un essere umano all’altro? Quali sono gli attori di questa trasmissione di contenuti? A cosa servono questi contenuti, questi valori, queste idee? A cosa ci preparano?


12/03/2020
“Mio padre, un magistrato”

di Clara Costanzo
con Clara Costanzo e il violino di
Roberto Izzo

“Mio padre, un magistrato – storia di Rocco Chinnici ucciso dalla mafia, raccontata dalla figlia “ è il titolo dello spettacolo scritto da Clara Costanzo, ispirato al libro di Caterina Chinnici “ E’ così lieve il tuo bacio sulla fronte”, dedicato a Rocco Chinnici, giudice pioniere dell’antimafia, assassinato con una fiat 126 imbottita di tritolo.
Rocco Chinnici è un personaggio poco conosciuto da chi non ha vissuto nella sua epoca.
Fu il primo ad affermare che per combattere la mafia bisognasse colpirla negli affari economici; fu il primo ad intuire l’unitarietà e l’interdipendenza fra tutte le famiglie mafiose e conseguentemente, l’interconnessione dei grandi delitti di mafia; fu il primo a modificare radicalmente il metodo di lavoro dei magistrati, cercando di affrontare unitariamente l’esame del fenomeno; chiamò a lavorare con lui Borsellino e Falcone; istituì quello che, solo dopo la sua morte, prenderà il nome di POOL ANTIMAFIA; ideò un metodo di lavoro apprezzato e ripreso anche dall’FBI; fu il primo a portare la sua testimonianza nelle scuole, a parlare direttamente ai ragazzi, convinto che educare le giovani generazioni ad una nuova coscienza, fosse l’unica arma per costruire un futuro migliore:
FU UCCISO DALLA PRIMA AUTOBOMBA PIAZZATA DA COSA NOSTRA, IL 29 LUGLIO 1983.


Inizio spettacoli ore 21.00

ABBONAMENTI
Full 6 spettacoli
(escluso concerto “Mick Harvey E J.P. Shilo”)
Intero € 75
Ridotto € 69

Prosa 5 spettacoli
(esclusi concerto “Mick Harvey E J.P. Shilo” e “Tango Fatal”)
Intero € 60
Ridotto € 55

BIGLIETTI
Intero € 18, Ridotti € 16
“Concerto Mick Harvey E J.P. Shilo”: Ingresso unico € 20
“La buona educazione “ € 12 riduzioni € 10
“Mio padre, un magistrato” € 12 riduzioni € 10

Riduzioni
persone con età inferiore a 29 e superiore a 65 anni
soci coop (per ogni carta socio è possibile acquistare 1 abbonamento ridotto)
youngERcard

Prenotazioni
Si possono effettuare prenotazioni telefoniche al n° 0536.404371 e via e-mail all’indirizzo astoria@tirdanza.it.
I biglietti prenotati dovranno essere ritirati entro il giorno antecedente lo spettacolo, pena l’annullamento della prenotazione.

CAMPAGNA ABBONAMENTI

  • Dal 21 ottobre al 3 Novembre ogni mercoledì dalle 10 alle 12 e dalle 18 alle 20
  • nelle serate di programmazione cinema
  • su prenotazione telefonando al n. 0536.404371 e via e-mail all’indirizzo astoria@tirdanza.it

Biglietteria

  • Dal 21 ottobre al 3 Novembre ogni mercoledì dalle 10 alle 12 e dalle 18 alle 20 per acquisto abbonamenti
  • Dal 4 novembre al 22 Novembre ogni mercoledì dalle 18 alle 20
  • nelle serate di programmazione cinema
  • il giorno precedente lo spettacolo e il giorno di spettacolo dalle 19 alle 21
  • on line sul circuito Liveticket https://www.liveticket.it/astoriafioranomodenese o collegandosi al sito www.cinemateatroastoriafiorano.it a partire dal 4 novembre

La direzione si riserva di apportare al programma modifiche che si rendessero necessarie per cause di forza maggiore.


TEATRO ASTORIA – P.zza Ciro Menotti, 8 – Fiorano Modenese (MO)
INFORMAZIONI: Tel. 0536.404371
+39.329.7049054 astoria@tirdanza.it